Recensioni e commenti: 1

  1. Irina SHCHIPUNOVA

    Mentre ancora abbastanza raro per i giardini della fascia centrale del belamkanda cinese (la famiglia Iris), mi sono abituato e va bene all'inverno al coperto.
    3 da semi seminati 5 anni fa in un vaso di terra smossa sul davanzale della finestra est, covato uno, mi dia presto meravigliosa veerok di foglie verdi. È vero, quando è cresciuto fino a un massimo di 10 cm, lui, fino a terra ... ha mangiato un gatto. Rassegnato a perdere, per qualche ragione ho continuato per irrigare il terreno, impedendo l'essiccazione, e con mia grande sorpresa, le foglie hanno ripreso a crescere. In primavera, la pianta è stata scavata insieme a una pentola sull'aiuola, raccogliendo un luogo soleggiato con un leggero chiarore a mezzogiorno. Indebolito da erba falciata. Ogni due settimane ho alimentato un concime complesso (secondo le istruzioni). A giugno c'era una freccia, che era decorata con fiori d'arancio con macchie rosse sui petali.
    Con l'inizio dei raffreddori autunnali, avevo paura di lasciare Belamkanda a causa della sua bassa durezza invernale nel giardino e di portarlo in casa. Su di esso si sono formate diverse scatole seminali. Poi le foglie diventarono gialle e la pianta precipitò in letargo. L'ho spostato in inverno nel seminterrato con una temperatura di + 10 gradi. A marzo, tornò in una stanza calda e cominciò ad innaffiare - dalla pentola già apparso il germe 3. A maggio, li divise e li atterrò in terra aperta in diverse parti del giardino. Il prossimo inverno, ha preso una pianta per la casa della riassicurazione. Il rizoma del secondo era cosparso di un secchio di humus, coperto di lapnika e sistemato la tavola sopra. Per la terza pianticella era sistemato un riparo all'aria, come per le rose (con una cornice, spunbond, ecc.). Il terzo anno mostrava che tutte le piante svernavano bene e rilasciavano peduncoli a tutti gli effetti, tranne che il cespuglio che era stato conservato nel seminterrato sbocciava due settimane prima.

    risposta

Lascia un feedback, commenti