2 Recensioni

  1. Irina GURIEVA, insegnami. corp. FNT im. Michurina

    A fine aprile - inizio maggio (prima della fioritura), quando il terreno non si è ancora riscaldato abbastanza, ma le foglie sono già sbocciate, puoi “rallegrare” un po' gli alberi. Diluire 5 g di nitroammophoska in un secchio d'acqua (preferibilmente acqua piovana) e spruzzare le piante. Tale concimazione fogliare aiuterà a compensare rapidamente la mancanza di sostanze necessarie per lo sviluppo delle piante (i componenti nutritivi agiscono più velocemente attraverso le foglie). Prova a elaborare il fogliame da tutti i lati. Ed è meglio farlo la sera, in modo che il fertilizzante non evapori sotto i raggi del sole, provocando ustioni.

    risposta
  2. Elena STAROVOYTOVA, fondatrice del club di giardinaggio Kaluga

    Durante una delle riunioni del nostro club, un giardiniere alle prime armi si informò sulla differenza tra l'azoto nel letame e l'azoto nei fertilizzanti minerali. Il letame è un prodotto organico della lavorazione della massa erbosa nello stomaco di un animale. Questa materia organica già parzialmente trasformata viene assorbita più facilmente dalle piante. Ma il letame non è sempre la scelta migliore come fertilizzante: può contenere semi di piante infestanti, agenti patogeni di malattie fungine, ecc.
    Nei fertilizzanti minerali l'azoto può presentarsi in due forme: ammonico e nitrato. È preferibile utilizzare la forma nitrica, soprattutto in primavera, poiché le radici della pianta assorbono questa particolare forma di azoto. La forma ammoniacale può essere utilizzata solo in estate (fino a metà luglio), perché viene convertita in nitrato solo dai microrganismi del suolo ad una temperatura di +20...+25 gradi.

    risposta

Mini-forum di giardinieri

La tua email non sarà visibile